Fiore della Vita

Il fiore ed il bocciolo sono simboli universali di giovinezza. A causa della disposizione dei petali rassomigliante una stella, il fiore e’ anche associato al sole. al globo o al centro. Innocenti annunciatori della primavera, i fiori sono simbolo di vitalita’, della fine dell’inverno e della vittoria della vita sulla morte.
Nella simbologia Cristiana il calice, aperto alla sua sommita’, suggerisce il ricevimento dei doni di Dio ma anche la natura transitoria della bellezza terrena che puo’ essere durevole unicamente nei giardini del Paradiso. Cio’ aiuta a capire l’antica usanza di collocare le tombe nel contesto di giardini o di adornarle con fiori. Dato che le prime chiese Cristiane ospitavano le tombe dei martiri, le stesse chiese venivano decorate con motivi floreali.
Nel Taoismo un “bocciolo d’oro” che cresce dalla corona sulla testa, simboleggia la piu’ elevata illuminazione mistica.
Nella cultura Azteca Xochiquetzal, letteralmente “il fiore che si erge diritto” era il nome della dea associata alla fertilita’. Sempre nella cultura azteca “le guerre del fiore” erano detti i rituali combattimenti tra imperi aztechi confinanti finalizzati unicamente alla cattura di prigionieri da sacrificare sugli altari di entrambi gli schieramenti rivali.
Il fiore della vita tuttavia non puo’ essere considerato una semplice stilizzazione floreale decorativa in quanto nelle sua apparente semplicita’ sintetizza un’elaborata concezione geometrica. Questa figura e’ infatti costruita mediante la sovrapposizione di piu’ cerchi  che si intersecano seguendo uno schema ben determinato.  I cerchi hanno tutti lo stesso diametro e sono posti tra loro a pari distanza in modo che il centro di ogni cerchio cada sulla circonferenza di quello vicino, intersecandosi l’un l’altro secondo uno schema esagonale.  Il risultato visivo immediato che si ottiene e’ la ripetizione armonica di una figura costituita da sei petali racchiusa in archi esagonali che a sua volta e’ inscritto in un cerchio.

Il fiore della vita con i suoi sei petali simboleggia lo stesso numero 6. Il 6 è associato all’ordine della struttura e alla perfetta armonia. Nelle sacre scritture 6 sono i giorni dedicati alla realizzazione del cosmo. Il numero 6 possiede delle particolarità matematiche, essendo il primo dei numeri perfetti. Il 6 è infatti allo stesso tempo somma e prodotto dei primi tre numeri interi (1+2+3=6 e 1x2X3=6). Lo stesso spazio tridimensionale è definito da sei direzioni: avanti, indietro, sinistra, destra, alto e basso. Nella geometria dei solidi le sei direzioni possono essere racchiuse nelle sei facce di un cubo, nei sei vertici di un ottaedro e nei sei spigoli di un tetraedro, noti anche come solidi platonici. Nella geometria piana invece il triangolo pitagorico di lati 3, 4 e 5 ha sia area che semiperimetro pari a 6. Il numero 6 è ricorrente anche in diverse strutture cristalline come quella dei fiocchi di neve, del quarzo e della grafite. Soprattutto il numero 6 è il cardine della geometria della vita in quanto una struttura di sei atomi di carbonio disposti ad esagono costituisce una struttura basilare della chimica organica.

Bibliografia:

  1.  Quadrivium – Numero, gerometria, musica, astronomia. Sironi Editore 2011.
  2.  Dictionaty of Symbolism – Cultural Icons & The Meanings Behind Them; Hans Biedermann; Meridian 1994.

 

Copyright © 2012 Montezaga. Tutti i diritti riservati.
Annunci

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: